Aumentare i salari è una priorità per i sindacati confederali. Le soluzioni tante e contestualizzate. A partire dal  rinnovare rapidamente i Ccnl e applicare i corretti contratti di settore.  Che nel settore in oggetto è tutt'altro che scontato. 
Le procedure di cambio appalto, chiare ma non sempre applicate,  se presidiate, consentono, di tutelare l'occupazione coinvolta ma anche  di riportare alla legalità contrattuale.
Alla Co.pro.b di Argelato la Filt cgil di Bologna unitamente alla Uiltrasporti hanno determinato,  attraverso una importante trattativa, che ha visto la presenza anche della committenza,  il passaggio dal ccnl multiservizi al legittimo ccnl logistica e trasporti, determinando un aumento salariale tra  i  200 e i 300 euro mensile ad ogni lavoratore.
 
Molti sono infatti i casi nei quali,  per risparmiare sul personale, si applica un ccnl non corretto per le mansioni svolte. Diffusa anche, in molti settori,  la pratica del sottoinquadramento. La priorità oggi è essere presente in tutti i luoghi di lavoro, piccoli o grandi che siano,  soprattutto nel complesso mondo degli appalti dove, anche a Bologna, si nascondono spesso diritti negati e bassi salari.
FILT CGIL E UILTRASPORTI esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto e continueranno la loro azione nel confronti della cooperativa uscente ed eventualmente del committente,  responsabile in solido, per il recupero del pregresso ingiustamente sottratto alle retribuzioni dei lavoratori negli ultimi anni. 
 
Filt Cgil Sonia Sovilla 
Uiltrasporti Mirko Bergonzoni